Category

Pensieri primaverili

Sarà perché la primavera invita a pensieri raccolti e intimi… sarà perché sto invecchiando (ipotesi ben più plausibile)… però in questi giorni sto riflettendo su cosa ci è rimasto di “cultura cristiana” e sono un po’ rattristato. Una tristezza che mi viene dalla consapevolezza di un passaggio che ci ha accompagnato in questi anni (tanti!, cinquanta!!, il che conferma che sto invecchiando!!!) dalla fioritura post conciliare al grigiore di un cattolicesimo di retroguardia (non fosse per papa Francesco e la sua formidabile voglia di evangelizzazione, saremmo in uno stallo spaventoso). Penso a figure come Milani, Balducci, Turoldo, Lazzati, Lubich, Bello, Martini… e poi mi guardo attorno alla ricerca di una voce profetica per l’oggi: l’unica immagine che mi sembra poter rendere bene l’idea di quel che ne ricavo me la offre un mio vecchio professore di greco: è come succhiare un turacciolo al buio. Ma non voglio fermarmi a queste […]

Leggi...

La bellezza che salva

La Dedicazione del Museo diocesano di Milano al cardinale Carlo Maria Martini, nel 90° anniversario della nascita, non è un semplice gesto di gratitudine nei confronti del Pastore che tenacemente lo volle. Martini ebbe una attenzione e una sensibilità profonda nei confronti dell’arte che va oltre il mero aspetto artistico. Invitando ad una lettura integrale, suggeriamo un passaggio della Lettera Pastorale del 1999, dal significativo titolo “Quale bellezza salverà il mondo?” “Mi è entrata nel cuore la domanda che Dostoevskij, nel suo romanzo L’idiota, pone sulle labbra dell’ateo Ippolit al principe Myskin. “E’ vero, principe, che voi diceste un giorno che il mondo lo salverà la ‘bellezza’? Signori – gridò forte a tutti – il principe afferma che il mondo sarà salvato dalla bellezza… Quale bellezza salverà il mondo?”. Il principe non risponde alla domanda (come un giorno il Nazareno davanti a Pilato non aveva risposto che con la Sua […]

Leggi...

MEF, MIUR, SIDI, PTOF, CLIL, ECDL

L’inarrestabile valanga di sigle travolge il mondo della scuola. In un proliferare incontrollato di acronimi navigano a vista i docenti meno pagati d’Europa e le famiglie che in questi giorni arrancano sui server sovraccarichi del ministero per iscrivere i propri figli a scuola. Si parla addirittura di interrogazioni parlamentari, mentre il Miur (leggi Ministero dell’Istruzione) si difende e spiega che la responsabilità del disservizio è del MEF (Ministero delle Finanze): parliamo del mancato pagamento degli stipendi a diverse decine di migliaia di supplenti. Pare che ci siano problemi sul SIDI (e te pareva!), il portale usato dalle scuole per pagare i docenti. Ma le scuole sono impotenti: il loro “borsellino elettronico” è vuoto. E così gli stipendi da ottobre scorso non si pagano, semplicemente perchè il capitolo di spesa del Miur per il 2016 è esaurito, punto e a capo. Si aspetta che arrivino i soldi dell’anno nuovo, alla faccia […]

Leggi...

Creare memoria

In questi giorni di “memoria” ho accompagnato una 5ª superiore di un Istituto Professionale, indirizzo Sociale, a vedere uno spettacolo ispirato a Se questo è un uomo di Primo Levi. La messa in scena non era all’altezza: i dialoghi deboli, monotona la teatralizzazione, complessivamente noiosa l’atmosfera. Peccato, ma capita. I 300 alunni/e presenti si sono comportati meglio del previsto. La poca confusione in sala era dovuta però più al disinteresse che alla compostezza. [...]

Leggi...

Il “credibile disponibile” sta finendo?

Anni fa ho letto una pagina illuminante di Paul Ricoeur, il grande filosofo francese, sulla quale non ho mai smesso di riflettere. A proposito della condizione in cui si trova una società in ogni momento della sua storia, egli parlava di un certo livello e di una certa qualità di “credibile disponibile”. Cos’è questa strana cosa? Potremmo dire che sia la quantità e soprattutto il tipo di cose in cui una società è disposta a credere. In definitiva, ciò che quella società spera di ricevere dalla sua storia prossima: dalle sue fortune, dal suo impegno in ogni settore. Ma anche da chi la guida e da chi rappresenta, o può rappresentare, aperture sul futuro, sul progresso, sul miglioramento delle condizioni di vita e sugli stati d’animo diffusi. Il credibile disponibile riguarda ovviamente anche la sfera religiosa e le istituzioni che la rappresentano. Ora la domanda che rivolgo al lettore è: […]

Leggi...

Copyrights © Synesio - la tenda delle idee. All rights reserved - P.Iva e C.F. 04451860961